COVID-19: approfondimenti sui viaggi e gestione delle entrate per la ripresa [Webinar]

Il COVID-19 ha cambiato il modo in cui gli hotel fanno affari, ma per quanto riguarda i prezzi?

|
July 16, 2020

Con il nostro accesso al pubblico di viaggiatori in tempo reale e una visibilità senza pari sulla domanda globale di viaggi, siamo in una posizione unica per condividere le attuali tendenze di viaggio in primo piano con gli esperti di marketing. In questa serie di blog, daremo un'occhiata ai dati per aiutare i professionisti del travel marketing a valutare questo evento mondiale. Possono utilizzare queste tendenze per orientare le loro strategie di marketing durante questo periodo, man mano che il settore si stabilizza.

Questi approfondimenti si basano sui dati raccolti fino all'11 luglio 2020. Esamineremo regolarmente i nostri dati per fornire una panoramica delle tendenze e dei modelli nel comportamento dei consumatori. Le informazioni di Sojern si basano su oltre 350 milioni di profili di viaggiatori e miliardi di segnali relativi alle intenzioni di viaggio, ma non rappresentano il 100% del mercato dei viaggi.

Le regioni di tutto il mondo mostrano un aumento delle prenotazioni alberghiere

L'anno scorso, 7,3 milioni di americani ha viaggiato in Europa nei mesi di marzo, aprile, maggio e giugno. A causa della pandemia di COVID-19, nessuno ha attraversato il confine dal 17 marzo 2020, quando sono state imposte le restrizioni di viaggio. Gli Stati Uniti e molti altri paesi rimangono nell'elenco dei viaggiatori soggetti a restrizioni dopo la revoca del divieto il 1 luglio. Pertanto, l'Europa, così come altre regioni, continuano a concentrare i propri sforzi sul rafforzamento dei viaggi nazionali. I dati di Sojern rivelano che l'Europa sta registrando la crescita più forte delle prenotazioni alberghiere nazionali, mentre l'Asia ha una crescita più forte nelle ricerche di hotel. Vediamo anche che in Asia Pacifico (APAC), i maggiori guadagni per quanto riguarda le prenotazioni alberghiere sono stati Malesia, Vietnam e Cina. Nella regione Europa, Medio Oriente e Africa (EMEA), Francia, Finlandia e Norvegia hanno registrato la crescita maggiore.

È importante notare che, sebbene l'Europa stia assistendo a un aumento della domanda di viaggi, ciò ha un costo. Nel Grecia, ad esempio, c'è già stato un picco di casi a causa delle linee guida allentate sui viaggi internazionali e nazionali dell'Unione Europea. Alcuni dei nuovi casi segnalati provengono direttamente dai turisti.

Le prenotazioni alberghiere nazionali in America Latina (LATAM) sono cresciute dopo diverse settimane di intenzioni in calo da inizio a metà giugno, con il Messico che si è distinto per la crescita delle prenotazioni alberghiere. Tuttavia, molti stranieri non corrono il rischio di recarsi in America Latina quest'estate, anche se i biglietti sono economici. BNP Paribas hanno dichiarato di aspettarsi che l'industria del turismo dell'America Latina sia la più colpita tra tutti i mercati emergenti e più a lungo. Brasile ha il secondo maggior numero di casi di COVID-19 a livello globale dietro gli Stati Uniti e anche paesi come Messico, Cile e Perù stanno assistendo a epidemie di massa. Poiché il numero di decessi è aumentato in queste aree, gli esperti ritengono che non abbiano raggiunto il picco come la maggior parte dei paesi Europa fatto all'inizio di maggio. Il COVID-19 è stato un grande tensione sui sistemi ospedalieri LATAM.

Gli Stati Uniti e il Canada hanno registrato diverse settimane di calo delle prenotazioni alberghiere da inizio a metà giugno, il che corrisponde a quando i casi di COVID-19 erano aumentati dopo la riapertura di massa nel fine maggio e all'inizio di giugno. In particolare, questi picchi stanno ricevendo molta attenzione da parte dei media. Tuttavia, dopo diverse settimane, la tendenza è diventata positiva, sebbene i tassi di crescita non siano così elevati come in Asia ed Europa, dove i casi di COVID-19 sono maggiormente sotto controllo. I viaggi nazionali in Canada stanno registrando una forte crescita, con British Columbia e Ontario in testa alle prenotazioni alberghiere. Negli Stati Uniti, ancora aree remote come Vermont, Maine e Rhode Island (anche aree con un basso numero di casi e tutte nel nord-est) sono piuttosto popolari in questo momento.

Modifiche nei tempi di consegna delle prenotazioni

Se diamo un'occhiata ai tempi di consegna delle prenotazioni alberghiere (prenotazioni dal 1° gennaio all'11 luglio 2020 rispetto all'anno precedente, indicizzate al 5 aprile), i dati di Sojern mostrano che una parte significativa dei viaggi viene ora prenotata per il periodo immediato (meno di due settimane), che è il modo in cui una grande percentuale di viaggiatori prenotava in genere in un mondo pre-COVID. Tuttavia, questo è un cambiamento rispetto agli schemi che abbiamo visto ad aprile, quando il mondo era bloccato, quando tutti i viaggiatori della regione si sono trasformati in pianificatori a lungo termine (prenotazioni di viaggi per tre mesi o più nel futuro). Ciò è probabilmente dovuto al livello di incertezza su quando i divieti di viaggio verrebbero revocati a causa della pandemia che ha colpito tutte le regioni del mondo.

La finestra temporale più breve ora potrebbe significare una serie di cose, ad esempio, mentre le persone sono interessate ai viaggi, non sono necessariamente pronte a rischiare di prenotare con largo anticipo a causa del potenziale di ulteriori blocchi o imposizioni di nuove restrizioni di viaggio. Potrebbe anche significare che i viaggiatori si sentono più a loro agio a viaggiare immediatamente con tutte le politiche e le misure di sicurezza in atto, o che i viaggiatori si affrettano a iniziare i loro viaggi estivi. Diversi stati negli Stati Uniti, ad esempio, stanno annullando l'abolizione delle restrizioni con l'aumento dei casi di COVID-19, per un totale di oltre 2,5 milioni di infetti. Tuttavia, nonostante l'aumento dei casi di COVID-19, le persone continuano a viaggiare e stanno tornando a spostamenti più immediati, specialmente verso le aree con un numero di lettere minuscole.

In diverse regioni del mondo, tra cui EMEA, LATAM, Stati Uniti e Canada, stiamo assistendo a un picco nelle ricerche di hotel per le vacanze (viaggi con partenza a dicembre), ma non ancora nelle prenotazioni. Le festività natalizie, tradizionalmente uno dei periodi più affollati dell'anno per i viaggi, potrebbero avere un aspetto molto diverso quest'anno, ma almeno, per il momento, le persone mostrano interesse a viaggiare per le vacanze.

Serie di webinar di Sojern: Gestione delle entrate per la ripresa

Il COVID-19 ha cambiato il modo in cui gli hotel fanno affari, ma cosa significa questo per i prezzi? Sconti, funzionano? Un annuncio di valore è un approccio migliore per far ripartire le vendite dopo la pandemia? Nel nostro webinar, i leader del settore alberghiero, April Eskelson, direttrice della formazione e Janel Allen, direttore vendite senior, presso Jacaruso Enterprises Inc, si uniscono al CSO di Sojern, Kurt Weinsheimer, per discutere del ruolo delle strategie di prezzo che aiuteranno a stimolare la domanda, seguito da una sessione di domande e risposte dal vivo con i nostri esperti.

Visualizza ulteriori approfondimenti in tempo reale su Approfondimenti di viaggio di Sojern cruscotto.

Altri articoli
Ti potrebbe interessare

Loud and Proud: Create Inclusive and Authentic Travel Experiences for LGBTQ+ Travelers

Learn how to create safe, inclusive environments for LGBTQ+ travelers.

Leggi di più

Become a Marketing Mixmaster: How To Get The Most Out of Each Marketing Channel

Unlock the full potential of your marketing efforts with our guide on mastering the marketing mix.

Leggi di più

Cominciamo un Conversazione

Siamo pronti ad aiutarti a eliminare le congetture dal tuo marketing digitale. Contattaci per accedere alla piattaforma di marketing più intelligente del settore turistico.