Pubblicità su Facebook e Instagram per i viaggi: rivelate le principali tendenze

L'utilizzo degli annunci di Facebook è in aumento in tutti i formati

|
March 26, 2019

La pubblicità sui social media rappresenta la maggior parte della spesa pubblicitaria digitale per i travel marketer nel 2018, con il 30% e tale cifra continuerà a crescere. Poiché Facebook e Instagram continuano a lanciare prodotti pubblicitari per aiutare gli operatori di marketing di viaggi e soddisfare le loro esigenze specifiche, è prevedibile che i professionisti del marketing di viaggi continuino a spendere sulla piattaforma: il 55% ha dichiarato di voler spendere di più quest'anno. Nel Il rapporto 2019 sulla pubblicità di viaggi su Facebook e Instagram abbiamo intervistato più di 600 operatori di travel marketing provenienti da 46 paesi in tutto il mondo, che rappresentano marchi di tutto lo spettro di compagnie aeree, alberghi, DMO, compagnie di crociera, OTA, metas, attrazioni, homesharing e altro ancora, per scoprire come i professionisti del travel marketing utilizzano Facebook e Instagram. Ecco alcune delle principali tendenze che abbiamo osservato:

Trend #1: l'utilizzo degli annunci di Facebook è in aumento in tutti i formati

Facebook e Instagram hanno lanciato diverse nuove opportunità pubblicitarie nell'ultimo anno, come la possibilità di fare pubblicità su Facebook Stories e nuove opzioni di targeting del pubblico per i professionisti del travel marketing all'interno destinazioni, alberghie voli. In media, oltre la metà di tutti gli esperti di marketing di viaggi globali prevede di spendere di più per Facebook e Instagram Ads nel 2019, con la maggiore variazione rispetto all'anno precedente, con il numero di operatori di marketing che intendono utilizzare specificamente Facebook Dynamic Ads for Travel (ora Facebook Travel Ads) e Facebook Stories. Ciò non sorprende, soprattutto considerando il continuo impegno di Facebook per aggiungere nuove funzionalità, come le Storie, su tutta la piattaforma (Facebook, Instagram, Messenger e WhatsApp), creando un luogo più coinvolgente da condividere in tempo reale.

SOTI_SocialReport_2019_GraphsCharts_HowTravelMarketersAreUsingAndAnticipateUsingFacebookAndInstagramAds

Nel 2018, il 79% degli operatori di travel marketing ha utilizzato Facebook Ads e tale numero continuerà a crescere con il 65% dei mercati dei viaggi che ha dichiarato di voler spendere di più in Facebook Ads nel 2019. Gli esperti di marketing di viaggi di oggi stanno diventando sempre più esperti quando si tratta di annunci specifici per i viaggi, e il 57% prevede di utilizzarli Annunci dinamici di Facebook per viaggi nel 2019 gli annunci video utilizzati su Facebook sono anche i preferiti dai travel marketer, con il 60% che dichiara di volerli utilizzare nel 2019.

Trend #2: i marketer adottano la pubblicità a canalizzazione completa sui social

Gli annunci di Facebook e Instagram possono essere utilizzati lungo tutto il percorso dell'acquirente, contribuendo a creare consapevolezza, corrispettivo e conversioni per i professionisti del marketing nel settore dei viaggi. Per comprendere appieno in che modo i professionisti del travel marketing utilizzano questi popolari canali social, abbiamo chiesto informazioni sull'efficacia di alcuni di Facebook e Instagram. I professionisti del marketing non utilizzano più i social media solo per la consapevolezza del marchio. I marketer di oggi utilizzano Instagram Stories nella canalizzazione superiore per far conoscere nuovi follower alla loro destinazione. E dall'altra parte del funnel, utilizzano Facebook per aumentare le prenotazioni sulla base di messaggi personalizzati forniti tramite Facebook Dynamic Ads for Travel. In base al nostro sondaggio, sono finiti i tempi in cui i canali venivano percepiti come utili solo per il branding o la risposta diretta. I risultati indicano che ora tutti i canali vengono utilizzati per entrambi. In particolare, Facebook e Instagram hanno superato di gran lunga la ricerca a pagamento sia per quanto riguarda il branding che per la risposta diretta.

SOTI_SocialReport_2019_GraphsCharts_WhereFacebookAndInstagramAreMostEffectiveForTravelMarketers

Per quanto riguarda la pubblicità su Facebook e Instagram, entrambe le piattaforme sono considerate le più efficaci per rivolgersi a nuovi segmenti di pubblico, mentre Facebook è considerato leggermente migliore per aumentare la copertura, la consapevolezza del marchio e la personalizzazione. A causa di la sua natura visiva, Instagram è percepito come migliore per mostrare una proprietà o un'esperienza di viaggio. Su scala globale, sia Facebook (30%) che Instagram (28%) sono considerati i più efficaci per raggiungere nuovi segmenti di pubblico. Tuttavia, solo il 4% afferma che sia Facebook che Instagram sono efficaci per coinvolgere i membri del programma fedeltà.

Trend #3: indirizzare i viaggiatori lungo il loro percorso di acquisto

Il nostro sondaggio ha mostrato che il 45% dei travel marketer considera il targeting dei viaggiatori in un momento specifico del loro percorso di acquisto una sfida principale. La soluzione? Esecuzione di una strategia full-funnel su Facebook.

Facebook Full-Funnel Solution

Nella fase dei sogni, o upper funnel, i social media sono un canale influente di ispirazione, poiché i viaggiatori spesso cercano hashtag, seguono influencer di viaggio o scorrono i feed e le storie dei loro amici. Immagini e video straordinari per contribuire a ridurre il rumore e aumentare la consapevolezza del marchio. Quando un viaggiatore è pronto a prenotare (in fase di pianificazione), prende in considerazione solo alcuni brand.Ecco perché è importante trovare e coinvolgere nuovamente i viaggiatori in base alle loro preferenze e alle intenzioni che hanno dimostrato nelle ricerche precedenti e nelle attività online.

Facebook è in grado di rilevare le intenzioni di viaggio a livello di destinazione e di presentare gli annunci a un pubblico pertinente. Nella fase di prenotazione, i viaggiatori sono pronti all'acquisto e gli esperti di marketing vogliono che i loro annunci forniscano una risposta diretta. A questo punto essenziale, è importante che i professionisti del travel marketing evitino di perdere una prenotazione, ed è qui che entra in gioco la soluzione Dynamic Ads for Travel di Facebook, che garantisce che gli annunci siano pertinenti per il viaggiatore, riducendo al minimo gli sprechi di spesa pubblicitaria per il marketer. La fase dell'esperienza è l'occasione perfetta per le spese accessorie.

Gli esperti di travel marketing possono pubblicizzare i propri prodotti e servizi dopo la conversione e il cross-selling, con servizi complementari o aggiornati in base alle preferenze del viaggiatore e al comportamento di ricerca precedente. Non importa dove si trovi un viaggiatore lungo il percorso di acquisto, Facebook ha le capacità per eseguire una strategia full-funnel e collegarlo al tuo marchio.

Sei interessato a saperne di più su come i travel marketer utilizzano Facebook e Instagram? Scarica il nostro Rapporto 2019 sulla pubblicità di viaggi su Facebook e Instagram.

Altri articoli
Ti potrebbe interessare

Cominciamo un Conversazione

Siamo pronti ad aiutarti a eliminare le congetture dal tuo marketing digitale. Contattaci per accedere alla piattaforma di marketing più intelligente del settore turistico.

Parliamo