Le destinazioni sciistiche registrano una ripresa più rapida di tutte le strutture verticali

Sojern analizza le intenzioni di viaggio e le prenotazioni verso destinazioni sciistiche nel 2020.

|
October 23, 2020

Sei quasi solo sulla cima di una splendida montagna, bastoncini da sci in mano, respirando aria fresca. Il sole sta picchiando, eppure è sotto lo zero, non c'è un po' di fanghiglia sul terreno, semplicemente polvere perfetta su cui scivolare. Hai la tua mascherina, i tuoi occhiali, i tuoi guanti. Anche se questa è l'essenza di una gita sugli sci, si potrebbe anche chiamare distanziamento sociale o prendere precauzioni di sicurezza. E questo è il bello dello sci e dello snowboard: sono naturalmente meno rischiosi in un ambiente pandemico.

Molte stazioni sciistiche sono state bloccate a causa della diffusione del virus. Pertanto, le estati sono state trascorse ad adattare strategie per accogliere in sicurezza gli ospiti e implementato richiedere la prenotazione online prima di una gita in montagna (e salvo skipass giornalieri), attivare il pagamento senza contatto, disinfettare l'attrezzatura a noleggio, limitare l'accesso alle attività al coperto, offrire opzioni da asporto e distanziare i posti a sedere in ascensore.

UN indagine condotto da RRC Associates quest'estate ha rivelato che il 93% degli intervistati si è sentito al sicuro facendo attività ricreative all'aperto disperse durante la pandemia, portando gli esperti a ritenere che dovrebbero esserci forti intenzioni di viaggio e prenotazioni verso destinazioni sciistiche. Quindi, mentre rilassarsi nelle aree dei lodge e salire sugli impianti di risalita possono sembrare diversi, gli appassionati di attività all'aperto continuano a riversarsi nelle destinazioni sciistiche, causando una ripresa più netta delle prenotazioni alberghiere per le destinazioni sciistiche rispetto al resto del settore alberghiero, secondo i dati di Sojern.

Sojern identifica le destinazioni sciistiche come città con hotel entro un raggio di 50 miglia da stazioni sciistiche ad alta capacità in Nord America e stazioni sciistiche ad alta quota in Europa. Negli Stati Uniti, le destinazioni sciistiche negli stati meridionali continuano a registrare buoni risultati fino a ottobre. Il calo delle prenotazioni in altre sottoregioni degli Stati Uniti è in linea con la tendenza stagionale: fa troppo freddo per fare escursioni, ma troppo caldo per sciare. In Canada, assistiamo a un calo più marcato.

Per tracciare un quadro più chiaro della ripresa, abbiamo confrontato il grafico sopra riportato con le tendenze dei volumi anno su anno per settimana. Il calo negli Stati Uniti è in linea con le tendenze stagionali del 2019; tuttavia, il calo del Canada è molto più marcato. Siamo arrivati molto vicini ai volumi del 2019 nella settimana del 30 agosto 2020 (quando la linea blu scuro raggiunge quasi il blu chiaro).

Dopo un calo delle prenotazioni ancora più marcato rispetto agli Stati Uniti, anche l'Europa mostra una migliore ripresa nelle destinazioni sciistiche. In entrambe le regioni, le prenotazioni alberghiere nelle destinazioni sciistiche sono superiori al totale degli alloggi verticali. Resort francesi ha vissuto un'estate eccellente e la Scozia si sta preparando per quello che potrebbe essere uno degli inverni più affollati degli ultimi anni. Con restrizioni incerte e con il rischio potenziale di volare, gli europei possono scegliere destinazioni raggiungibili in treno o in auto. La regione delle Alpi in particolare, che attira turisti da tutto il mondo, potrebbe essere particolarmente colpita, mentre le località più piccole dell'Inghilterra settentrionale e della Scozia potrebbero registrare un aumento del traffico se le persone non sono in grado o sono meno disposte a lasciare il paese.

Gran parte del volume di viaggio in paesi come Europa, Stati Uniti e Canada dovrebbe essere nazionale durante la stagione sciistica. Se si considerano i mercati automobilistici, la regione nordoccidentale degli Stati Uniti è particolarmente dipendente dai viaggiatori a lunga distanza (definiti come visite da più di 500 miglia di distanza).

Come notato in precedenza, Sojern prevede che il mercato degli azionamenti rimarrà importante per il resto dell'anno e nel 2021. Per chi si occupa di travel marketing, questo è un momento fondamentale per far conoscere il proprio messaggio ai mercati di riferimento, condividere le proprie offerte esclusive e rimanere al passo con i tempi, soprattutto con l'avvicinarsi delle festività natalizie.

I dati di Sojern continuano a mostrare che mentre i tempi di prenotazione si riducono e le persone prenotano i loro viaggi più vicino alla partenza, i viaggiatori dedicano più tempo alla ricerca di potenziali destinazioni e alloggi. Sono «sempre attivi» e anche la tua pubblicità deve esserlo. Per informazioni sugli sci nella tua zona, contattaci.

Altri articoli
Ti potrebbe interessare

Cominciamo un Conversazione

Siamo pronti ad aiutarti a eliminare le congetture dal tuo marketing digitale. Contattaci per accedere alla piattaforma di marketing più intelligente del settore turistico.